paperblog

lunedì 1 agosto 2016

LUCIDATURA DELLE PERLE POLIMERICHE

Dopo aver ricevuto molti commenti positivi sulla brillantezza che riesco a dare alle mie perle ho deciso di farvi conoscere il mio personale metodo di lucidatura, che mi permette di ottenere quel risultato.
ci sono molte varianti possibili da utilizzare e quella che utilizzo io magari non è quella che da i risultati che qualcuno vorrebbe ottenere, comunque questo è quanto faccio.
la prima cosa è prendere in considerazione il tipo di argilla che si stà usando. alcune argille si lucidano molto più velocemente di altre, e danno anche un risultato migliore, ma potrebbero dare un risultato non adatto a quello che si vuole ottenre. La KATO si lucida molto velocemente, ma io lavoro soprattutto con la FIMO: inoltre di solito, le argille traslucide e metalliche sono più facili da lucidare. 
il nero è sempre un dolor di collo, qualsiasi marca si stia utilizzando. 
di solito, quando so in anticipo quale sarà il risultato finale a cui le mie perle sono destinate, aggiungo un po di traslucida nell'impasto. questa, mista al resto, accellera il processo di lucidatura. 

PROCESSO DI LUCIDATURA DI CHRIS
1 - quando le perle sono pronte per essere cotte, le rotolo tra le mani un'ultima volta, indossando i guanti chirurgici, di quelli che non abbiano grip ma che sono assolutamentte lisci.


 


  
 2 - di solito li preparo per cuocere montandoli su perni da perline o poggiandoli su fibra. a questo punto siamo pronti per la cottura.

 


3 -  se ho bisogno di togliete delle impronte o delle piccole impurità inizio a sabbiare usando una carta vetrata da 1000 che si trova presso qualsiasi negozio fornito per fai da te. questa porterà via sia le piccole impurità che le macchie di polvere o di impronte, levigando la superfice senza graffiare la perla inutilmente. quindi iniziare la sabbiatura con carta da 1000 bagnato/asciutto, usata in maniera gentile. non vogliamo fare dei graffi subito.


4 - a questo punto si passa alla solita sequenza di lucidatura: 1500, 1800, 2400, 3200, 3600, 4000, 6000, 8000, 12000.  io personalmente da quando ho conosciuto la MICROMESH di solito passo direttamente dalla 1000 a questa microrete fine da 2400. ho imparato a conoscere questa particolare carta, qualche anno fa, grazie a Valerie che è venuta a farmi visita e me l'ha mostrata al lavoro. Grazie!! ha fatto di me una fissata della lucidatura. questa carta ha una superfice di lucidatura che appoggia su una superfice tessile, il che la rende molto comoda e maneggevole da utilizzare. li può addirittura lavare in lavatrice! la puoi quindi usare per un'eternità: un investimento molto saggio, queste sono le grane  che uso di solito. 
 
5 - per lucidare di solito comincio con il primo tipo di micromech che uso sempre nella stessa direzione, fino a che tutta la superficie risulta sabbiata. il movimento è di andata e ritorno.




 
6 - il secondo tipo di carta lo uso nella direzione opposta o in direzione perpendicolare, ruotando la pietra. questo quindi è un movimento da destra a sinistra.


 
7 - quando si arriva alla grana 3200 oramai non si stà più sabbiando ma siamo già alla lucidatura, e vedremo che la perla comincerà già a brillare un pò.


 


 
8 - quando arriveremo al 12000 il grado di brillantezza raggiunto sarà già molto alto. per aumentare il risultato è possibile utilizzare la punta lucidante del Dremel, che esalta il lavoro fatto.
può sembrare un lavoro molto noioso, ma in realtà non cè bisogno di lucidare a lungo, e comunque è anche divertente, almeno lo è per me. è importante utilizzare varie grane: se saltate un paio di passaggi vedrete che il risultato non sarà lo stesso. 
risultato finale

ovviamente se nell'impasto si sono utilizate polveri, inchiostri, lamine o qualunque altra decorazione che afiora in superficie, è poi necessario utilizzare una vernice come sigillante e per proteggere la perla. quanto ho sopra descritto è solo per delle lavorazioni che abbiano una superfice completamente in argilla.
spero che vi sia stata di aiuto
Chris

preso da 

https://chrispellowdesigns.wordpress.com/




Nessun commento:

Posta un commento